Corso Italia 13

/ Un disegno luminoso per un restyling discreto ed efficace che valorizza un’icona architettonica del ‘900

Il progetto di restyling su parte del complesso di Luigi Moretti accentua e valorizza filologicamente un’architettura audace che ha coinvolto un intero isolato di Milano negli anni ‘50. 

Il complesso è formato da diversi corpi di fabbrica di cui due sono stati oggetto della riqualificazione. 

Lo studio dell’archivio storico di Moretti è stato essenziale per capire la genesi del progetto e la sua evoluzione negli anni. Le tavole progettuali hanno rivelato come l’edificio più alto, detto La Nave, sia stato realizzato interamente secondo il progetto originale di Moretti, mentre il progetto di quello più basso sia stato oggetto di vari ripensamenti. 

Il progetto di Park Associati è molto rispettoso e aderisce all’intervento originario con l’intento di mettere in risalto un edificio iconico per la città. Il nome di Nave deriva dal fatto che nel raffinato gioco volumetrico tra i due edifici su Corso Italia, quello più alto, appoggiandosi su quello più basso, si percepisce come una prua nell’atto di sfondare lo spazio verso la strada. Questa sensazione è accentuata dal colore chiaro della facciata, ricoperta da tessere di mosaico in marmo bianco.  

Il restyling si è concentrato sulle parti comuni e in alcuni dei piani destinati ad uffici. 

La facciata è stata preservata completamente con uno spunto progettuale delicato che ne ha accentuato le forme originali. Di sera, con un intervento di illuminazione discreto ma efficace, le linee marcapiano orizzontali vengono sottolineate ed enfatizzano il carattere dell’edificio, creando un effetto di “galleggiamento” del volume sulla base sottostante. 

Il corpo basso del complesso è stato riqualificato seguendo i primi disegni originali di Moretti. Ne sono sottolineati i segni marcapiano orizzontali mentre al primo e al secondo piano la scansione delle finestre è accentuata da lamelle scatolari in alluminio microforato. La loro presenza si evidenzia con il buio, grazie all’illuminazione interna di cui sono dotate le lamelle. 

All’interno, tutti gli spazi degli uffici sono stati ripensati e resi più aperti e flessibili, nel segno della trasparenza e della ricerca di qualità dello spazio attraverso interventi sugli impianti, l’illuminazione e la climatizzazione.

  • Info
    • Location
      Milano
    • Cliente
      Prelios Società di Gestione del Risparmio
    • Anno
      2019
    • Area
      8000
    • Team design
      Filippo Pagliani, Michele Rossi Marco Siciliano (Project Director) Davide Cazzaniga, Luna Pavanello
  • Pubblicazioni
  • Scheda progetto

Foto di: Andrea Martiradonna
Progetti correlati
Brisa 5
Milano - 2020
La Serenissima
Milano - 2012
Gioiaotto
Milano - 2014