I Maestri dell'architettura

Libertà di pensiero e passione trasversale per qualsiasi forma di espressione artistica o creativa, una
visione dell’architettura immaginata prima di tutto come un laboratorio di idee da condividere e sperimentare, fusione di vecchia e nuova scuola, del disegno manuale con la progettazione digitale, un linguaggio mutevole pregno di influenze differenti eppure fortemente identitario. E ancora, un approccio alla materia privo di qualsiasi preconcetto stilistico, abilità nello spaziare tra i diversi ambiti con disinvoltura, perfetta padronanza nel dominare le varie scale del progetto, passando dal disegno di una lampada a quello di un complesso per uffici, dalla torre multifunzione al più piccolo dettaglio di una residenza. Sono questi gli elementi che danno vita e consistenza allo studio Park Associati,
il sodalizio lavorativo nato più di dieci anni fa a Milano tra Filippo Pagliani (1968) e Michele Rossi (1964) e oggi divenuto, grazie a un percorso graduale costellato da successi, committenze intelligenti, progetti efficaci e idee innovative, una delle realtà più interessanti della scena culturale nazionale e non solo. Il senso stesso dello studio – che i suoi fondatori hanno definito “un grande salto nel buio,
un’avventura iniziata con un certo grado di inconsapevolezza” – è racchiuso tutto nel nome. “Park” è infatti lo spazio libero e privo di confini disciplinari nel quale i due architetti hanno voluto fondere le loro differenti ma complementari personalità sulla base della comune passione per l’arte, la musica e la fotografia, il punto di incontro e di interscambio delle loro influenze, esperienze lavorative e percorsi che per molto tempo hanno iaggiato su strade simili e parallele; il luogo dove hanno riunito un gruppo
di una ventina di collaboratori che condivide la loro stessa idea del mestiere dell’architetto, inteso come “lavoro di sintesi e regia tra mille componenti” e per questo necessariamente “aperto a mille suggestioni e stimoli”, come ha sottolineato più volte Michele Rossi.

Angelica di Virgilio
back to top